Per rispondere agli obiettivi strategici assegnati, durante il primo anno di attività la Direzione Generale ha elaborato numerose ricerche ed iniziative in tema di catalogazione e inventariazione di arte e di architettura, nonché un’analisi conoscitiva dello status quaestionis delle periferie italiane. Tutto ciò per focalizzare l’attenzione su urgenze e priorità al fine di elaborare progetti specifici e mirati, funzionali in tutti gli ambiti d’azione: arte, architettura e periferie.
La sinergia tra arte e architettura e la loro osmosi ha generato in questi anni un’energia creativa positiva, anche collettiva, che ha permesso di mettere in atto dei processi caratterizzati da una forte capacità di innesco proprio nei luoghi dove la coesione sociale va favorita. Le periferie, lo spazio urbano, la città sono stati dunque il campo d’azione per la crescita culturale dei territori, perché il paese esprima al meglio la sua identità nazionale nell’ambito della creatività contemporanea e questa venga valorizzata al meglio e al pari di quanto avviene in campo internazionale.

More

The Report is subdivided into five sections:

  • PATHS OF LEARNING
  • REGENERATION
  • SHARING/INNOVATION
  • MAKING ROOM FOR TALENT
  • INTERNATIONAL VISIONS
It must be noted that the timeframe embraced by the projects in which the Directorate is involved, unlike the traditional structures of the MiBAC, responsible for conservation, protection and restoration, is limited to the past 70 years for public heritage and 50 years for private properties.  

 

Follow us: